Viaggio a Hong Kong: cosa fare e cosa vedere in una delle città più iconiche della Cina

Le 10 destinazioni più rilassanti del mondo
Febbraio 7, 2019
L’India, il viaggio della vita: i migliori tour da nord a sud
Marzo 7, 2019
Mostra tutto

Hong Kong

Città splendida e contrastante, con templi antichi e grattacieli vertiginosi, con mercati caotici e negozi lussuosi, Hong Kong è in costante movimento ed evoluzione e riesce a crescere senza perdere (troppo) il suo passato e la sua tradizione.

Hong Kong è una città ultramoderna dal cuore antico, un centro vibrante, caoticamente suggestivo e multietnico, delineato tanto da uno skyline futurista quanto da templi centenari. Area tra le più densamente popolate del mondo e centro finanziario di rilievo globale, si trova nella Cina meridionale ed è toccata dal Fiume delle Perle e dal Mar Cinese Meridionale.

Colonia britannica dalla Prima Guerra dell’Oppio, combattuta tra il 1830 e il 1842 tra l’Impero Qing e il Regno Unito, al 1997 (tranne una breve parentesi giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale), è ora ritornata sotto il controllo cinese. Scopriamo insieme i luoghi d’interesse più importanti di Hong Kong, il cui nome significa “porto profumato”, per vivere al massimo una viaggio indimenticabile in una città incredibile!

  1. I Templi :
    • Tempio di Man MoTempli
    • Tempio di Pak Tai
    • Tempio di Wong Tai Sin
    • Tian Tan Buddha
    • Monastero dei Diecimila Buddha
  2. A Symphony of Lights: lo skyline
  3. Victoria Peak: la vista panoramica
  4. Musei : tra storia e scienza
  5. Negozi e vie dello shopping
  6. Divertimento e vita notturna
  7. Cucina e ristoranti
  8. Dove dormire
  9. Informazioni utili

1) I Templi

Tempio di Man Mo

Tra i monumenti più iconici e visitati di Hong Kong, il Tempio di Man Mo fonde Taoismo e Buddhismo ed è dedicato al dio della letteratura “Man” e a quello della guerra “Mo”. Costruito nella prima metà del XIX secolo, mentre regnava l’imperatore Daoguang, ha degli esterni molto semplici, ma interni estremamente suggestivi, con altari pieni di frutta e fiori, incensiere, candele, decorazioni colorate e luce soffusa. Secondo la tradizione, se volete scoprire cosa vi riserva il domani, dovreste fatevi predire il futuro con i “chim”, dei bastoncini della fortuna fatti con il bambù posizionati in una scatola da scuotere.

Tempio di Man Mo

Tempio di Pak Tai

Altro tempio bellissimo e imperdibile della città è il Pak Tai: costruito nel 1863 in onore del dio del mare e della guerra, questo luogo di culto taoista si trova nel ricco quartiere di Wan Chai e custodisce diverse statue, tra cui quelle dei Tre Puri (il Puro di Giada, il Puro Superiore e il Grande Puro sono tre principali divinità taoiste) e quella di Lung Mo, la “Madre dei Draghi” della mitologia cinese. La donna venne divinizzata dopo aver cresciuto cinque draghi, un po’ come l’amata Daenerys Targaryen (interpretata dalla splendida Emilia Clarke) di Game of Thrones! Soffermatevi ad osservare gli affreschi che abbelliscono la sala e che raccontano della vita quotidiana nella Cina antica.

Tempio di Wong Tai Sin

Colorato, preziosamente decorato e iconico, il Tempio di Wong Tai Sin “ospita” tre religioni: Taoismo, Buddhismo e Confucianesimo. Eretto nel 1921 per omaggiare la saggia figura di Wong Tai Sin, monaco umano del IV secolo che si trasformò in immortale e che ancora oggi protegge la Terra, il complesso misura ben 18.000 mq. La sua architettura e le sue sale richiamano i cinque elementi cinesi, ossia Fuoco, Acqua, Legno, Terra e Metallo. Questo tempio è tra i più frequentati di Hong Kong, anche perché leggenda vuole che la struttura “esaudisca i desideri” dei suoi più devoti seguaci e visitatori.

Tempio di Wong Tai Sin

Monastero dei Diecimila Buddha

Il Monastero dei Diecimila Buddha si trova nella cittadina di Sha Tin, poco distante da Hong Kong. Questo spettacolare complesso venne costruito negli anni ’50 da Yuet Kai, un uomo molto devoto che, però, non divenne mai monaco (quindi, tecnicamente, la struttura non può essere considerata un monastero vero e proprio). Arroccata su un monte, l’area di 8 ettari è composta da una pagoda, quattro padiglioni, cinque templi e una terrazza panoramica. All’interno degli edifici, lungo i sentieri che collegano le varie zone, lungo i 400 scalini necessari per raggiungere la cima e più o meno in ogni angolo esterno di questo luogo misticamente stupefacente, vi aspettano, oltre che dispettose scimmiette, anche 13.000 statue di Buddha, tutte dorate e spesso impreziosite da decorazioni con colori accesi. Pezzi unici, ognuna ha una posa, un’espressione, un vestito o un dettaglio estetico diverso dalle altre. Varia anche la grandezza dei vari esemplari. Divertitevi a scoprire la varie caratteristiche e attività di questi Buddha!

Tian Tan Buddha

Sulla scenografica isola di Lantau, si trova una colossale statua di Buddha seduto, la più grande del mondo di questo tipo. Inaugurata nel 1993, essa è alta ben 34 m e pesa circa 250 tonnellate. Con il volto sereno, l’illuminata figura, che invita all’armonia con l’universo, ha le gambe incrociate, la mano destra alzata e la mano sinistra appoggiata su una delle gambe. Il Tian Tan Buddha si trova su un monte e si raggiunge dopo ben 270 scalini. Dalla cima della struttura, oltre ad ammirare la commovente statua del celebre monaco, lasciate andare il vostro sguardo e fatevi stregare da un panorama privilegiato, da cui scorgere, nelle giornate particolarmente limpide, addirittura Macao. Poco distante, inoltre, vi aspetta il meraviglioso Monastero di Po Lin, fondato nel 1905. Passeggiate al suo interno e contemplate le sue architetture, le sue sale e le sue aree naturalistiche, tra cui la splendente Sala dei Diecimila Buddha, lo Stagno del Loto e diversi rigogliosi giardini. Fermatevi a pranzo o cena nel monastero, dove vengono cucinati esclusivamente piatti vegetariani, tutti squisiti e molto economici! 

Tian Tan Buddha

2) A Symphony of Lights

Victoria Harbour è il cuore di Hong Kong. Lungo la zona del porto, dalla caratteristica forma di un borsello portamonete (dettaglio tradizionalmente interpretato come segno di una predisposizione alla fortuna economica della città), potrete ammirare il vertiginoso skylinedel centro, con i suoi altissimi grattacieli, dalle forme ardite e futuristiche. Dal 2004, ogni giorno, alle ore 20, quest’area diviene uno spettacolo a cielo aperto e viene trasformata da luci laser e musica in uno scorcio magico, quasi fantascientifico. Circa 45 grattacieli e diversi monumenti vengo illuminati da una “sinfonia di luci”, una “Symphony of Lights” in inglese, la quale rappresenta, in maniera fortemente vivace e travolgente, alcuni concetti importanti per la comunità e la città, di cui si lodata la grandezza: il Risveglio, l’Energia, l’Eredità, l’Associazione e la Celebrazione. Le location ottimali per ammirare questo scintillante spettacolo sono la Star Avenue e il lungomare del quartiere di Wan Chai, specialmente l’area vicina a Golden Bauhinia Square. La migliore maniera di godere della Symphony of Lights è, però, attraverso una crocieralungo le calme acque del Victoria Harbour. 

Lo skyline di Hong Kong

3) Victoria Peak

Victoria Peak è il punto panoramico più alto (552 m) e amato di Hong Kong ed è l’attrazione turistica più visitata. Dalla cima della Peak Tower, potrete deliziarvi con una vista magicamente suggestiva, che di notte, quando si accendono le luci dei grattacieli, diventa davvero incredibile e indimenticabile. Per raggiungere questo punto di osservazione privilegiato, prendete il mezzo di trasporto più antico della città, inaugurato nel lontano 1888, ossia il Peak Tram. l percorso di questa funicolare è estremamente suggestivo e ripido, quasi “verticale”: in alcuni punti, infatti, la sua pendenza è di addirittura 27°! Ogni anno, sono oltre 4.000.000 i visitatori e i locali ad utilizzare questo caratteristico tram. Non fatevi spaventare dalla lunga fila che vi aspetta: il viaggio, seppur breve (dura solo 5 minuti), e il panorama saranno davvero fuori dal comune!

Victoria Peak

4) Musei : tra storia e scienza

Se volete approfondire la vostra conoscenza della cultura e della storia locale, oltre che quella della Cina e dell’Asia, vi suggeriamo di dedicare almeno una giornata alla visita dei musei più interessanti di Hong Kong. Il Museo di Storia di Hong Kong, come è facile intuire, è dedicato alla città: attraverso le sue otto sale, potrete ripercorrere il passato dell’area, dalla preistoria al 1997, attraverso numerosi e variegati reperti, che vanno dai vestiti tradizionali antichi ai giocattoli moderni, dalle sculture religiose alle ricostruzioni architettoniche e urbanistiche di alcune aree significative ormai scomparse. Molto istruttivo è anche il Museo della Scienza. Aperto nel 1991, offre tantissime mostre ed esposizioni (circa 500 in 18 gallerie), tra cui percorsi dedicati alla paleontologia, esperienze interattive e informatiche e aree dove superare test fisici. Il Museo d’Arte di Hong Kong, ospitato in una struttura imponente che si affaccia sulla baia, espone oltre 15.000 opere come antiche calligrafie, pergamene, ceramiche, gioielli e dipinti. Per scoprire la storia aerospaziale della Cina, invece, fermatevi al Museo dello Spazio, dalla inusuale forma a uovo. Curiosi e intriganti sono, inoltre, il Museo Marittimo, il Museo della Polizia di Hong Kong e il Museo di porcellane da tè Flagstaff House, allestito in una casa coloniale e fornito sia di una sala da tè dove sorseggiare questa millenaria bevanda, sia di un negozio specializzato.

5) Negozi e vie dello shopping

A Hong Kong vi servirà tutta la vostra forza d’animo per non diventare patologiche maniche dello shopping! La città è, fondamentalmente, un negozio gigantesco, dove si mescolano mercatini, boutique e centri commerciali e dove trovare tutti i prodotti possibili ed immaginabili, dagli apparecchi elettronici all’artigianato locale, dagli oggetti da collezione ai vestiti delle migliori marche, e così via. Le migliori zone dove trovare i negozi più esclusivi e lussuosi è Tsim Sha Tsui, mentre molti mercatini e negozi vi aspettando nel distretto di Kowloon (in particolare nelle zone di Mong Kok e Sham Shui Po). Nathan Road pullula di negozi di tutte le marce, così come Causeway Bay, sull’Isola di Hong Kong, dove troverete tanto aree commerciali caratteristiche e tradizionali quanto negozi all’ultima moda di grandi marche, orientali e occidentali. Tra i mercati all’aperto, un must-see per scoprire la vera anima della città e della sua popolazione, non perdetevi il Ladies’ Market (Tung Choi Street – Kowloon), quasi letteralmente sommerso da vestiti, scarpe e prodotti di bellezza, e il suggestivo Mercato Notturno (Temple Street, Kowloon), dove acquistare, tra l’altro, artigianato locale, souvenir e strumenti musicali. Caratteristici e suggestivi, inoltre, sono il Mercato dei Fiori, il Mercato dei Pesci, pieno di migliaia di pesciolini più o meno rari, e il Mercato della Giada, con bancarelle specializzate in oggetti realizzati con la preziosa pietra dura di colore verde, simbolo della Cina. Dopo i vari mercatini, “perdetevi” anche nei labirintici e scintillanti centri commerciali che affollano Hong Kong, tra cui il Landmark, il Pacific Place, il Times Square e l’Harbour City.

La via dello shopping Mong Kok

6) Divertimento e vita notturna

Hong Kong è una città giovane, internazionale e vibrante, piena di locali e discoteche, dove divertirsi e conoscere persone hongkonghesi o provenienti da tutto il mondo! Dai pub inglesi ai bar di design, passando per i piccoli ristorantini tradizionali o i club dedicati al karaoke, non avrete il tempo di annoiarvi e il sole sorgerà prima che ve ne rendiate conto! Le aree dove la concentrazione di movida è più travolgente che mai sono Central, Mong Kok e Tsim Sha Tsui, ma ogni quartiere di Hong Kong offre una sorprendente nightlife! Il raffinato Ozone è il più alto rooftop bar della città (si trova al 118° piano) e vi regalerà una vista eccezionale del Victoria Harbour, così come il bellissimo e poco distante Eyebar. Il pittoresco Fu Lu Shou, dedicato alle divinità della Prosperità (Fu), della Fama (Lu) e della Longevità (Shou), è un tradizionale bar cinese con cocktail colorati ed esotici, mentre, entrando nel Tai Lung Fung, farete un tuffo nella Hong Kong degli anni ’60-’70, tra poster postbellici, arredamenti retro e un menù di cibo e bevande molto, molto lungo e ben fornito. Scegliete il delizioso e “multisensoriale” Quinary per sorseggiare drink spettacolari e per godere dell’atmosfera di uno dei 50 migliori bar al mondo e del sesto migliore bar di tutta l’Asia! Per ballare e ascoltare ottima musica e gruppi (sia locali, sia internazionali), il nostro preferito è l’All Night Long, ma anche il Drop e il Dragon-I sono assolutamente da raccomandare! Vita notturna a parte, la città del “porto profumato” offre tante tappe “giornaliere” perfette per chi vuole divertirsi. Grandi e piccini, ad esempio, non resisteranno al fascino del fiabesco e gigantesco Hong Kong Disneyland Park, dove vi attendono, in un mix armonioso tra Oriente e Occidente, i vostri personaggi Disney preferiti, percorsi favolosi, avventurose giostre, parate e fuochi d’artificio, e lo scenografico Ocean Park, un allegro complesso che include parco acquatico, parco divertimenti, parco a tema zoologico e acquario.  

Ozone

7) Cucina e ristoranti

La cucina di Hong Kong è una sintesi perfetta della maggior parte delle cucine asiatiche, con qualche intromissione occidentale: praticamente ovunque, che stiate passeggiando lungo i suoi vicoletti, oppure facendo shopping nelle strade più chic, troverete decine e decine di ristoranti, chioschi e food truck dove rifocillarvi e assaggiare non solo piatti tipicamente hongkonghesi, ma pietanze provenienti dal resto della Cina, dalla Thailandia, dall’India, dalla Corea, dal Vietnam, dalla Gran Bretagna, dall’Australia e dalla Malesia (solo per citare alcuni paesi). Tra i piatti più amati, ci sono i celebri dim sum e wonton, succulenti ravioli che possono essere preparati con diversi ingredienti, come carne di maiale, funghi, vedure o gamberi, noodlespolpette di pesce e anatra arrosto. Per quanto riguarda i dolci, assaggiate assolutamente gli squisiti egg waffle (waffle molto soffici), le egg tart (dolcetti di pasta frolla e crema) e il pane all’ananas, che non contiene ananas e deve il suo nome solo alla sua forma, che richiama il frutto.  Lo Spring Deer è un ottimo ristorantino molto frequentato dai locali, la cui anatra arrostita è molto richiesta. Il Che’s Cantonese Restaurant è un locale molto raffinato e serve prelibati dim sum e piatti preparati in base ai prodotti di stagione disponibili. Uno dei ristoranti tradizionali più famosi di Hong Kong è lo Yung Kee Restaurant, fondato nel 1942 e rimasto sempre un punto di riferimento culinario per la città. Un’esperienza inusuale ed imperdibile è, poi, il Jumbo Floating Restaurant, un ristorante galleggiante dove mangiare squisito cibo cinese (prevalentemente pietanze a base di pesce) e godere dello spettacolare panorama dell’Aberdeen Harbour.

Jumbo Floating Restaurant

8) Dove dormire

Hong Kong vi accoglierà con ottime strutture, sia moderne, sia tradizionali, con prezzi che possono variare da pochi euro a centinaia o addirittura migliaia a notte. Tra gli hotel 5 stelle più lussuosi, risaltano il Mandarin Oriental, lo Shangri-La, l’Harbour Grand Kowloon, il Peninsula e il Pottinger. I costi di queste location ricercatissime vanno da 150 a 600 euro a notte e vi garantiscono un’accoglienza di altissimo livello, in grado di trasformare una vacanza in un sogno ad occhi aperti. Anche la maggior parte degli hotel 4 stelle sono eccellenti e con prezzi leggermente più bassi (70-250€): il Novotel Nathan Road, l’Island South, il Kew Green Wanchai Hong Kong, il Royal Pacific, il Whanchai 88 e l’OZO Wesley. Se viaggiate low budget, optate per un ostello, tra cui il centralissimo e amichevole Rainbow Lodge, lo Startparker e l’Hop Inn on Mody

The Mandarin Oriental

9) Informazioni utili

Hong Kong è una destinazione dal clima subtropicale, con temperature più o meno alte durante tutto l’anno. L’estate può essere molto calda e afosa, mentre l’inverno è generalmente secco e non molto freddo. In tutte le stagioni, è possibile essere sorpresi dalla pioggia, che spesso, però, dura molto poco. Il periodo migliore per visitare la città va da ottobre ad aprile e l’autunno, a livello climatico, è particolarmente consigliato. Raggiungere Hong Kong dall’Italia è facile e, prenotando con un po’ di anticipo, anche relativamente economico, con costi che vanno, solitamente, da 400€ a 600€. Diverse e ottime compagnie aeree offrono collegamenti giornalieri con scalo, tra cui Emirates, Lufthansa, Turkish Airways e Qatar Airways, mentre l’impeccabile Cathay Pacificha voli diretti dai maggiori aeroporti italiani che raggiungono Hong Kong in circa 12 ore. Per quanto riguarda il cambio, la moneta locale è il dollaro di Hong Kong, che oggi vale 0.11€. I cittadini del nostro paese possono visitare Hong Kong per turismo, studio o affari senza necessità di visto fino ad un massimo di 90 giorni. L’unico documento necessario è, quindi, il passaporto, con almeno 6 mesi di validità.


Pronti per immergervi in una città stravagante, vibrante, costantemente in movimento, giovane e tradizionale allo stesso tempo? Seguite i nostri consigli e correte a fare le valigie!  


Fonte (FoxLife)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Serve aiuto?